Fattori di rischio per trombosi venosa profonda

La trombosi venosa profonda (TVP) e l'embolia polmonare (PE) sono le due manifestazioni più frequenti dello stesso processo: malattia tromboembolica venosa. Circa il 90% dei casi di EP acuta ha origine nei trombi delle vene prossimali degli arti inferiori. Di seguito elenchiamo i fattori di rischio :

Potresti anche essere interessato a: Come prevenire la trombosi venosa profonda

Fattori acquisiti

  • Chirurgia *
  • Immobilizzazione (più di 4 giorni) *
  • Viaggi estesi (più di 6 ore) *
  • Trauma dell'arto *
  • Gravidanza / puerperio
  • Contraccettivi ed estrogeni *
  • vene varicose
  • Precedente malattia tromboembolica
  • età
  • obesità
  • Cateteri *
  • Altro: sindrome da antifosfolipidi, ustioni, sindrome nefrosica, iperfibrinogenemia, sepsi, neoplasia (pelvica, addominale o metastatica), sindromi mieloproliferative (trombocitosi, policitemia, ...), porpora trombotica trombocitopenica, paraproteinemia, emoglobinuria parossistica notturna ...

(*) Nei 2 mesi precedenti

Trombofilia familiare o congenita

  • iperomocisteinemia
  • Resistenza alla proteina C attivata (dovuta a mutazioni del fattore V di Leida,
  • Cambridge ...)
  • Dysprothrombinemia familiare (protrombina G20210A)
  • Deficit proteico C
  • Deficit proteico S
  • Carenza di antitrombina III
  • disfibrinogemia
  • Alterazioni del plasminogeno

Questo articolo è puramente informativo, non abbiamo la facoltà di prescrivere alcun trattamento medico o fare alcun tipo di diagnosi. Vi invitiamo ad andare da un medico in caso di presentazione di qualsiasi tipo di condizione o disagio.

suggerimenti
  • Fonte dell'articolo: GUIDE CLINICHE DI MEDICINA INTERNA di Artero e Tamarit
 

Lascia Il Tuo Commento